Arrivano “I Biglietti Scorretti by Il Milanese Imbruttito” di Cromo

Nel panorama delle aziende innovative e creative, Cromo ha deciso di abbracciare l’irriverenza e lo spirito unico de Il Milanese Imbruttito per personalizzare i suoi biglietti di auguri. La collezione si chiamerà “I Biglietti Scorretti by Il Milanese Imbruttito” e comprenderà biglietti di auguri per vari eventi (laurea, matrimonio, compleanno, ecc) e biglietti di Natale che avranno uno stile accattivante che promette di portare una ventata di freschezza e originalità nel tradizionale mondo degli auguri. Il programma di licensing de Il Milanese imbruttito è gestito in Italia dall’agenzia Maurizio Distefano Licensing.

Il Milanese Imbruttito, noto per la sua ironia milanese, il suo humor tagliente e il suo stile unico nel comunicare, si è guadagnato un posto d’onore nel cuore di molti followers. La scelta di Cromo di associare questo brand ai suoi biglietti di auguri riflette la volontà di rompere gli schemi e di offrire un tocco di ironia e divertimento.

Con oltre 3 milioni di follower sulle diverse piattaforme social, Il Milanese Imbruttito ha creato una community coinvolgente ed appassionata. I suoi post sono diventati virali grazie a un mix unico di ironia, satira e una sana dose di autoironia. La sua capacità di affrontare temi attuali con un tocco leggero e umoristico ha reso Il Milanese Imbruttito un punto di riferimento per coloro che cercano una pausa divertente nella loro giornata. Instagram, TikTok, Facebook e YouTube sono solo alcune delle piattaforme su cui il Milanese Imbruttito ha lasciato il segno. Le interazioni con i follower, le risposte sarcastiche e gli scambi divertenti sono diventati un marchio di fabbrica, consolidando la sua presenza nel panorama digitale.

“Siamo entusiasti di questa partnership. Abbiamo grandi aspettative da Cromo che riuscirà sicuramente a trasmettere lo stile de Il Milanese Imbruttito ai suoi biglietti.” afferma Maurizio Distefano, Presidente di Maurizio Distefano Licensing. “Con Il Milanese Imbruttito siamo entrati subito in sintonia, parlando la stessa lingua in termini di strategia da adottare e tanta voglia di lasciare il segno nel mercato del licensing.”